ultrametabolismo

UltraMetabolismo funziona o truffa? Recensioni ed opinioni di chi l’ha provato

Con UltraMetabolismo ci troviamo di fronte all’ennesimo prodotto che promette quello che non può mantenere? Oppure si tratta di un integratore per dimagrire efficace, supportato da dati scientifici e dalla ricerca? É quella che abbiamo voluto scoprire con questo articolo.

Ma prima di iniziare dobbiamo fare una premessa. Un dimagrante che si chiama UltraMetabolismo ci invita infatti a riflettere su cosa sia esattamente il metabolismo. Se ne parla spesso, dando per scontato che tutti sappiamo di cosa si tratta. Ma sul metabolismo circolano molti miti e fraintendimenti. Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza.

I tre unici meccanismi con cui bruciamo calorie

Tutti abbiamo sentito incolpare il “metabolismo lento” per il peso in eccesso. E allo stesso tempo sentiamo spesso parlare di prodotti come UltraMetabolismo, che si propongono di velocizzarlo. Ma di cosa si tratta?

1. Metabolismo basale

Il metabolismo è il processo mediante il quale il tuo corpo converte ciò che mangi e bevi in energia. Durante questo complesso processo, le calorie di cibi e bevande vengono combinate con l’ossigeno per rilasciare l’energia di cui il tuo corpo ha bisogno per funzionare.

Anche quando sei a riposo, il tuo corpo ha bisogno di energia per le sue funzioni “in background”. Come la respirazione, la circolazione del sangue, la regolazione dei livelli ormonali e la crescita e la riparazione delle cellule.

I principali organi del corpo – cervello, fegato, reni e cuore – rappresentano circa la metà dell’energia bruciata a riposo. Mentre il sistema digerente e soprattutto i muscoli del corpo rappresentano il resto.

Il numero di calorie che il tuo corpo utilizza per svolgere queste funzioni di base è noto come il tuo metabolismo basale. Che da solo è responsabile del 60-80% delle calorie bruciate ogni giorno.

Diversi fattori determinano il tuo metabolismo basale individuale, tra cui:

  • Il tuo sesso. Gli uomini di solito hanno meno grasso corporeo e più muscoli rispetto alle donne della stessa età e peso, il che significa che bruciano più calorie.
  • Le dimensioni e la composizione del tuo corpo. Le persone più massicce o muscolose bruciano più calorie, anche a riposo.
  • La tua età. Con l’invecchiamento, la quantità di muscoli tende a diminuire e il grasso rappresenta una parte maggiore del tuo peso, rallentando il consumo di calorie.

Oltre al tuo metabolismo basale, altri due fattori determinano quante calorie il tuo corpo brucia ogni giorno.

2. Termogenesi

Anche la digestione, l’assorbimento, il trasporto e la conservazione del cibo consumato richiede calorie. Circa il 10% delle calorie dei carboidrati e delle proteine che mangi viene utilizzato durante la digestione e l’assorbimento del cibo e dei nutrienti.

Nella termogenesi, il corpo consuma calorie e produce calore. Alcuni cibi sono detti “termogenici” proprio perchè sono in grado di stimolare questo processo, facendoci bruciare più calorie. Parliamo ad esempio degli ingredienti contenuti in UltraMetabolismo, del peperoncino, del pompelmo, dell’acqua ghiacciata, del guaranà…

3. Attività fisica

L’attività fisica di qualsiasi genere – dallo sport alla camminata per raggiungere l’ufficio – rappresenta il resto delle calorie (dal 10 al 30%) che il tuo corpo brucia ogni giorno. Chiaramente l’attività fisica è il fattore più soggetto al tuo controllo. Se decidi di iniziare a fare sport, brucerai improvvisamente molte più calorie.

Gli scienziati chiamano l’attività fisica che svolgiamo tutto il giorno anche in maniera non intenzionale “termogenesi dell’attività non fisica (NEAT)”. Una definizione che comprende ogni gesto che comporta movimento: alzarsi da una sedia, fare giardinaggio, grattarsi la testa, schiacciare un pulsante, salire su un autobus… Queste attività bruciano dalle 100 alle 800 calorie ogni giorno.

Le due vie per perdere peso

Il “metabolismo lento” è il vero responsabile dell’aumento di peso? Diciamolo subito: no, difficilmente lo è. Ci sono delle patologie che possono rallentarlo a tal punto da farci ingrassare, come la sindrome di Cushing o l’ipotiroidismo.

Ma tendenzialmente ingrassiamo perché mangiamo troppo, facciamo poco esercizio, siamo geneticamente portati a prendere peso, siamo stressati, dormiamo poco… insomma, fattori che se corretti o riequilibrati risolverebbero ogni problema di “metabolismo lento”.

Per perdere peso c’è un’unica via: creare un deficit energetico. Questo si ottiene mangiando meno calorie o aumentando il numero di calorie bruciate. E per bruciare più calorie, l’abbiamo già visto, l dobbiamo escludere il metabolismo basale, perché è difficilmente modificabile. Le vie rimaste sono due: la termogenesi e l’attività fisica. In caso di problemi di peso, noi consigliamo di percorrerle entrambi, in parallelo.

Possiamo quindi utilizzare integratori naturali sicuri, come UltraMetabolismo, che incentivano la termogenesi. E allo stesso tempo possiamo fare più esercizio fisico. Il che non solo ci farà dimagrire, ma ci permetterà di risolvere e prevenire innumerevoli altri problemi di salute.

L’allenamento per perdere peso

Spesso siamo tentati di attribuire la linea snella di qualcun altro a un “metabolismo veloce”, che noi purtroppo non abbiamo. Ma la statistica ci dice che è molto più probabile che quella persona si muova più di noi o mangi di meno e meglio.

L’esercizio aerobico è il modo più efficiente per bruciare calorie e include attività come camminare, andare in bicicletta e nuotare. Come obiettivo generale, includi almeno 30 minuti di attività fisica nella tua routine quotidiana.

Noi ad esempio proponiamo alcune guide per passare dal divano alla camminata, fino ad arrivare alla corsa. Trasformando così il corpo in una macchina brucia-grassi.

Gli esperti raccomandano anche esercizi di allenamento della forza e della resistenza, almeno due volte a settimana. L’allenamento della forza è importante perché aiuta a costruire i muscoli. E il tessuto muscolare brucia più calorie rispetto al tessuto adiposo, anche a riposo.

Per questo consigliamo degli attrezzi che possano essere usati anche nel tuo salotto, e con i quali riusciamo ad allenare diverse fasce muscolari:

Ricorda anche l’importanza del movimento al di là dello sport. Cerca di inserire delle attività fisiche anche nella tua vita quotidiana. Evita l’auto e scegli di camminare o di andare in bici. Fai finta che l’ascensore sia sempre guasto e l’unica opzione siano le scale. Esci a passeggiare con il tuo cane due volte al giorno invece che una sola.

Lo sapevi che una dieta sbagliata può rallentare il metabolismo?

Accelerare il metabolismo è piuttosto difficile, come abbiamo visto. Ci vogliono cibi o integratori termogenici specifici, una dieta equilibrata e l’esercizio fisico. Molto più facile invece rallentarlo. Ad esempio basta fare una dieta drastica!

I ricercatori hanno infatti scoperto un fenomeno chiamato “adattamento metabolico” o “termogenesi adattativa”. In pratica quando le persone perdono peso in maniera drastica e improvvisa, il loro metabolismo basale rallenta.

Da una parte questo avviene perché perdendo peso improvvisamente eliminiamo non solo degli strati di grasso, ma anche di muscoli. E un corpo meno muscoloso consuma meno calorie, è quindi più “lento”. Per questo motivo è fondamentale adottare diete o assumere integratori che preservino la nostra massa muscolare. E continuare a fare esercizio anche in fase di dimagrimento. Ma c’è dell’altro.

Sulla rivista Obesity è stato pubblicato uno studio sui concorrenti dell’ottava stagione del reality show americano “The Biggest Loser”. Alla fine del reality, tutti i partecipanti avevano perso decine di chili, quindi erano perfetti soggetti di studio per scoprire cosa succede quando si dimagrisce in fretta.

I ricercatori hanno effettuato una serie di misurazioni: peso corporeo, grasso, metabolismo, ormoni. Sia alla fine della competizione di 30 settimane nel 2009 che sei anni dopo, nel 2015.

Tutti i concorrenti avevano perso molto peso durante il reality del 2009. Ma che ne era di loro sei anni dopo? Ben tredici dei quattordici concorrenti avevano riacquistato peso. E quattro erano addirittura più pesanti di quanto non fossero prima di partecipare al reality!

Inoltre, il loro metabolismo era notevolmente rallentato durante il periodo di studio. I loro corpi bruciavano mediamente 500 calorie in meno al giorno di quanto ci si sarebbe aspettati dal loro peso. 500 calorie sono quasi un intero pasto!

Questo rallentamento metabolico era rimasto identico anche sei anni dopo. Nonostante il fatto che la maggior parte dei partecipanti stesse lentamente riguadagnando il peso perso

I dimagrimenti drastici sono controproducenti

La neuroscienziata Sandra Aamodt ha ipotizzato che questo sia il modo in cui il corpo difende una certa fascia di peso, chiamata “set point”. In pratica, una volta che aumenti di peso e mantieni quel peso per un periodo di tempo, il corpo può abituarsi alle sue nuove dimensioni.

Quando quel peso scende improvvisamente, una serie di sottili cambiamenti entrano in gioco – a livelli ormonali e cerebrali – per rallentare il metabolismo a riposo. Un meccanismo che aumenta la fame e diminuisce la sazietà dal cibo. Il tutto per ritornare a quel “set point” perduto.

Nello studio su “The Biggest Loser”, ad esempio, i ricercatori hanno scoperto che ogni partecipante aveva sperimentato riduzioni significative dell’ormone leptina. La leptina è uno degli ormoni chiave che regolano la fame nel corpo.

Alla fine della competizione, i concorrenti avevano quasi completamente esaurito i loro livelli di leptina, ed erano quindi sempre affamati. Al traguardo dei sei anni, i loro livelli di leptina sono rimbalzati, ma solo fino a circa il 60 percento dei livelli originali. Erano quindi nella posizione di ingrassare più velocemente di prima.

Questo dimostra come le diete “violente”, spesso incentivate da prodotti chimici e farmaci, possono avere effetti controproducenti. Integratori naturali come UltraMetabolismo favoriscono invece un dimagrimento graduale e non traumatico. Andando a stimolare dei meccanismi metabolici già in atto, e non imponendo al corpo gli effetti di principi attivi sintetici.

Questo studio sul reality show del dimagrimento ci ricorda poi che il corpo lavora in maniera del tutto asimmetrica. Infatti non oppone nessuna resistenza all’acquisto di peso. Anzi. Se mangiamo cibi dolci o grassi, il cervello produce sostanze che ci danno un senso di piacere. E ci chiede di continuare a mangiare.

Dall’altra parte, invece, quello stesso corpo può frapporre diversi ostacoli tra noi e il dimagrimento. Addirittura opponendosi alla perdita di peso troppo veloce rallentando il metabolismo.

Bisogna però sottolineare che gli effetti notati sui partecipanti di “The Biggest Loser” sono estremi e non generalizzabili. Ci dicono quali sono i rischi di una perdita di peso improvvisa e “violenta”. Gli stessi studiosi che hanno analizzato questo caso ricordano che un simile rallentamento metabolico non avviene se perdiamo peso in maniera lenta e graduale.

Ed è proprio questo tipo di percorso che possiamo intraprendere abbinando UltraMetabolismo e l’esercizio fisico.

Cos’è UltraMetabolismo

UltraMetabolismo è un integratore dimagrante e drenante in forma di sciroppo.

UltraMetabolismo utilizza solo ingredienti naturali per garantire un’azione brucia-grassi e la prevenzione della ritenzione idrica. Come suggerisce il nome, UltraMetabolismo agisce sui meccanismi metabolici modificabili, inducendo la termogenesi e attivando la combustione dei lipidi.

UltraMetabolismo ci offre diversi effetti salutari e snellenti:

  • la riattivazione di un metabolismo lento
  • l’escrezione di tossine e liquidi in eccesso
  • un’ottima azione anticellulite
  • la riduzione dei depositi di adipe e la prevenzione dell’accumulo di grassi

Come funziona UltraMetabolismo

Il “segreto del suo successo” sono gli ingredienti naturali, come sempre accade con prodotti di questo tipo. Andiamo a conoscerli più da vicino.

Cardo mariano

Il cardo mariano contenuto in UltraMetabolismo è una pianta spinosa con caratteristici fiori viola e venature bianche. Secondo la tradizione queste venature sono state causate da una goccia del latte della Vergine Maria che cadeva sulle sue foglie.

I principi attivi del cardo mariano sono un gruppo di composti vegetali noti collettivamente come silimarina. La silimarina estratta dal cardo mariano è nota per avere proprietà antiossidanti, antivirali e antinfiammatorie. Viene da tempo usata per rafforzare le ossa e il sistema immunitario, migliorare la salute del fegato e trattare le malattie della pelle, come l’acne.

Ma se il cardo mariano è tra gli ingredienti di UltraMetabolismo è soprattutto per i suoi effetti sul peso.

Riduzione del colesterolo

Il colesterolo alto può causare problemi alla salute del cuore e aumentare le possibilità di ictus.
Uno studio del 2006 suggerisce che il cardo mariano possa svolgere un ruolo importante nel mantenere bassi i livelli di colesterolo.

La ricerca ha rilevato che i livelli di colesterolo erano più bassi nelle persone che assumevano cardo mariano nel trattamento del diabete rispetto a quelle che assumevano un placebo.

Perdita di peso

Le prime ricerche sugli animali condotte nel 2016 hanno scoperto che la silimarina provoca la perdita di peso nei topi alimentati con una dieta ipercalorica.

Riduzione della resistenza all’insulina

Uno studio sui topi ha scoperto che l’estratto di cardo mariano ha contribuito a ridurre la resistenza all’insulina. La resistenza all’insulina è un grave problema per le persone con diabete di tipo 2. Quando il corpo non risponde all’insulina, i livelli di zucchero nel sangue superano la soglia critica, portando a un’iperglicemia grave.

Caffè verde

Il caffè, l’ultima volta che abbiamo controllato, non era verde. Certo, ma questo perché ha subito diversi passaggi dalla pianta alla nostra tazzina. Uno di questi è la tostatura, che trasforma il colore verde nel classico marrone scuro. La tostatura regala al caffè il suo aroma, ma lo spoglia di un suo ingrediente fondamentale: l’acido clorogenico.

Ancora presente nel caffè verde, l’acido clorogenico è diventato un elemento celebre nel mondo dei prodotti dietetici come UltraMetabolismo. Come mai?

Diverse ricerche hanno dimostrato che il caffè verde stimola la perdita di peso. In particolare uno studio ha preso in esame delle persone che bevevano caffè arricchito con acido clorogenico. Queste dimostravano di perdere più peso e grasso addominale rispetto alle persone che bevevano caffè normale. E avevano anche una maggiore riduzione del girovita.

L’acido clorogenico stimola infatti la perdita di peso aumentando i livelli di un ormone chiamato adiponectina. L’adiponectina aiuta il corpo a bruciare i grassi e aumenta il metabolismo.

Quest’acido contenuto in UltraMetabolismo riduce anche la glicemia e i lipidi, il che può ridurre il rischio di contrarre il diabete e le malattie cardiache.

Il caffè verde è stato inoltre studiato per la sua capacità di ridurre pressione sanguigna e livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue. E a questo dobbiamo aggiungere che, ovviamente, il caffè verde contiene caffeina. Ovvero l’energizzante più efficace in natura, che ci darà lo sprint necessario per affrontare le nostre giornate.

Bromelina dell’ananas

L’ananas contenuto in UltraMetabolismo è un frutto sudamericano e un componente prezioso della medicina tradizionale, grazie al suo alto contenuto dell’enzima bromelina.

Usato ampiamente come rimedio naturale per diversi disturbi, dall’indigestione alle allergie, l’ananas non è solo ricco di questo enzima, ma anche di vitamina C e B1, potassio, manganese e fitonutrienti.

Ma a cosa serve esattamente la bromelina? Tradizionalmente è utilizzata come potente agente antinfiammatorio, depurativo e anti-gonfiore. La ricerca ha anche dimostrato che aiuta a prevenire la formazione di coaguli di sangue, edema e gonfiore.

Questo enzima contribuisce inoltre a lenire e rilassare i muscoli tesi e infiammati. Studi recenti hanno poi trovato prove che questo enzima rallenti la metastasi polmonare. Il che suggerisce che la bromelina possa essere utilizzata per trattare un’ampia varietà di malattie, potenzialmente incluso il cancro.

Se le sue capacità drenanti e depurative sono ben note, si sta recentemente investigando anche su un suo possibile ruolo dimagrante. I suoi effetti sulla gestione del peso e sulle cellule adipose sono ancora oggetto di indagine. Ma c’è motivo di credere che i suoi effetti antinfiammatori e digestivi siano coadiuvanti della perdita di peso.

Alcuni studi hanno scoperto che la bromelina contenuta in UltraMetabolismo aiuta a inibire l’adipogenesi. Ovvero il processo di differenziazione cellulare che può contribuire alla formazione di cellule adipose e all’accumulo di grassi.

Arancio amaro

L’arancia amara è originaria di Vietnam e Cambogia. Lontano parente delle nostre arance, se ne distingue per una concentrazione molto maggiore di oli essenziali.

UltraMetabolismo ha scelto questo ingrediente per il suo alto contenuto di sinefrina. Questo principio attivo è conosciuto da ormai più di cinquant’anni per la sua capacità di stimolare il metabolismo e ridurre la fame.

La sinefrina è chimicamente molto simile all’adrenalina. E come l’adrenalina ha effetti stimolatori sul funzionamento del cuore, del respiro e del metabolismo. Inoltre nell’arancia amara troviamo l’efedrina, un’ulteriore sostanza ad effetto saziante.

L’estratto di arancia amara contenuto in UltraMetabolismo è poi un ulteriore principio attivo termogenico. Innesca cioè quel processo di cui abbiamo già parlato, che porta il corpo a produrre calore consumando calorie e bruciando i grassi.

Fillanto

Il fillanto contenuto in UltraMetabolismo è una pianta molto usata in erboristeria. Noto allamedicina ayurvedica da oltre 2.000 anni, il fillanto si ritiene prevenga o tratti una vasta gamma di condizioni di salute.

Questo estratto depurativo è in particolare usato per i disturbi del fegato e per lenire le infezioni, soprattutto quelle all’apparato urinario e alla pelle.

Curcuma

La curcuma è una spezia comunemente usata nella cucina asiatica. È ad esempio un ingrediente del curry. Ma la radice della curcuma è anche nota per le sue proprietà medicali. Contiene una sostanza chimica di colore giallo chiamata curcumina, dalle virtù antinfiammatorie.

La curcuma è quindi comunemente usata per patologie che coinvolgono dolore e infiammazione, come l’artrosi. Viene anche usata per abbassare il colesterolo, migliorare l’umore e rafforzare la salute del fegato.

Come si usa UltraMetabolismo

Diluire 30ml di UltraMetabolismo in 200ml di acqua e bere la miscela ottenuta. Attenersi alle indicazioni del foglietto illustrativo.

Controindicazioni di UltraMetabolismo

UltraMetabolismo è un integratore naturale e non presenta vere e proprie controindicazioni. Se ne sconsiglia in ogni caso l’uso alle donne incinte e alle persone affette da gravi patologie.

UltraMetabolismo funziona davvero?

UltraMetabolismo ci mette a disposizione gli effetti di ingredienti naturali la cui efficacia è verificabile tramite una semplice ricerca online.

Il suo utilizzo va comunque inteso come supporto in un percorso dimagrante che comprende anche attenzione alla dieta ed esercizio fisico regolare. Così come già indicato nella premessa sul funzionamento del metabolismo.

Dove acquistare UltraMetabolismo

UltraMetabolismo può essere acquistato presso il sito del rivenditore ufficiale:

Opinioni di chi ha provato UltraMetabolismo

UltraMetabolismo l’ho trovato su una rivista di fitness. Mi sono incuriosita perché aveva solo ingredienti naturali: a me le medicine dimagranti non convincono molto. L’ho ordinato sul loro sito internet e mi è arrivato senza problemi, con pagamento in contrassegno. Lo uso ormai da tre mesi e vedo ottimi risultati sia sul peso che sul controllo dell’appetito.”

Silvia, 40

Cercavo qualche integratore per dimagrire possibilmente adatto anche ai vegani. Perchè tanti usano addensanti di origine animale e cose del genere. UltraMetabolismo mi ha convinto anche perché conoscevo già la maggior parte degli ingredienti, visto che li uso in tisane. Per quanto mi riguarda è un buon prodotto, adatto a chi cerca di dimagrire senza fare diete assurde.”

Anna, 36

Il mio problema è sempre stato il grasso sui fianchi, che è molto difficile da buttar giù. Con UltraMetabolismo ho provato a iniziare una dieta e a fare ginnastica tre volte a settimane. Se non mi ci metto di impegno ora non lo faccio più. Mi aiuta tanto a non mangiare troppo e ho perso già qualche cm di girovita. Io lo consiglio.”

Rita, 43

Conclusioni

UltraMetabolismo: un mix di ingredienti naturali per dimagrire in maniera naturale. Evitiamo effetti collaterali, ritorni al peso iniziale e frustrazioni varie. Affidiamoci a principi attivi dall’efficacia provata per ritrovare il peso forma… e non lasciarlo andare più via.

Vedi anche: