i benefici della corsa

I benefici della corsa

Vogliamo tutti sentirci più a casa nel nostro corpo. Guardarci allo specchio e apprezzare quello che vediamo, senza avere paura né dello sguardo degli altri né della bilancia. Purtroppo molti ostacoli si mettono in mezzo e non è semplice raggiungere questo obiettivo. Ma una volta che scopriremo i benefici della corsa sappiamo di avere trovato una strada buona per raggiungere questo obiettivo.

Certo, la corsa non è proprio il più divertente degli sport e richiede un certo sforzo. Ma, questa è la buona notizia, ci ricambia con risultati eccezionali. Come abbiamo spiegato nel nostro articolo “Correre per dimagrire“, non serve andare sempre al massimo per perdere peso, anzi. Si può farlo gradualmente, senza ammazzarsi di fatica.

Come tutte le cose che sulle prime ci fanno paura, anche la corsa se vista da vicino risulta molto meno minacciosa! Scopriamo quali sono i vantaggi per chi la pratica, a livello estetico ma non solo.

I benefici della corsa: una salute di ferro

Spesso quando pensiamo alla corsa ci vengono in mente subito la fatica, il sudore, il fiatone… ma se scaviamo più a fondo e scopriamo cosa succede al corpo di una persona che corre regolarmente, capiamo come mai questo sport ha così tanti appassionati

La corsa aumenta l’aspettativa di vita

Sono diversi gli studi che hanno dimostrato come l’aspettativa di vita aumenti se si corre regolarmente. Si tratta quindi della pillola di longevità più efficace del mondo… ed è gratis!

Un articolo del British Journal of Sports Medicine del 2018 ha riportato che i corridori hanno il 25-30% in meno di rischio di patologie mortali. La loro conclusione è stata: “Anche correre una volta a settimana è meglio di non correre affatto”.

Uno studio dell’Università dell’Iowa si è spinto oltre, sostenendo che sarebbero addirittura 3 gli anni di vita guadagnati dai corridori rispetto a chi fa una vita sedentaria. I motivi sono vari, e riguardano la maggiore efficienza dell’apparato cardiovascolare, il colesterolo basso, le ossa forti e un cervello più attivo.

La corsa fa bene al cuore

La pratica regolare della corsa produce un aumento di spessore del cuore. Questa modificazione strutturale porta ad un aumento della gittata cardiaca, per cui ad ogni battito il cuore di chi corre è in grado di mettere in circolo una maggiore quantità di sangue.

Anche il rischio di essere colpiti da arteriosclerosi, indurimento e restringimento delle arterie e conseguenti difficoltà circolatorie, diminuisce significativamente in chi corre. Una migliore circolazione impedisce infatti il formarsi di ispessimenti dei vasi sanguigni e previene l’ipertensione.

La corsa fa dormire meglio

Nel 2020 la stella del basket americano Lebron James ha portato i suoi Lakers alla vittoria del Campionato. Cosa c’è di strano? Che Lebron è al suo diciassettesimo anno nell’NBA, e gioca a un’età in cui gli altri si sono già ritirati da un pezzo. Gli hanno chiesto quale sia il suo segreto, e lui non ha esitato: il sonno.

Mentre dormiamo il corpo lavora per noi: ripara muscoli e tessuti, permette al cervello di andare in stand-by e prepararsi per un nuovo giorno, rilassa ogni tipo di tensione. Dormire di più ci rende più sereni e più forti.

Chi corre ha statisticamente più facilità ad addormentarsi. È la stanchezza stessa della corsa che fa da sonnifero naturale e a garantire un riposo profondo. Questo a meno che non ci si alleni ad alta intensità un’ora prima di andare a letto: in questo caso il risultato sarebbe controproducente.

La corsa migliora la capacità polmonare

Non bisogna essere dei medici per capire che la corsa costringe i polmoni a un super-lavoro. Quando corriamo il nostro corpo pare ricordarci cosa siano i polmoni e che lavoro da mantice siano chiamati a fare quando siamo sotto sforzo. Questo va tutto a nostro vantaggio.

Durante la corsa aumenta la profondità della respirazione e l’organismo si allena a immagazzinare una maggiore quantità di ossigeno. La maggiore efficienza polmonare favorisce anche l’attività cardiocircolatorie, e tutte le strutture dell’albero respiratorio diventano più elastiche e meno soggette alle infezioni

La corsa previene il mal di schiena

Magari qualcuno lo troverà incredibile, ma in effetti la corsa fa bene alla schiena, a differenza di una vita sedentaria.

Uno studio del 2020 ha dimostrato che corridori di mezza età riportavano un declino molto minore della salute della schiena rispetto a dei coetanei che non correvano. E più a lungo i corridori studiati avevano praticato il loro sport, migliori erano le condizioni dei loro dischi intervertebrali.

La corsa rafforza il sistema immunitario

Correre all’aperto può farci prendere continui raffreddori e mal di gola? L’esatto contrario!

Il sistema immunitario di chi corre regolarmente si rafforza e si abitua anche a temperature più rigide. In generale l’organismo dei corridori è meno soggetto a infiammazioni di ogni tipo e a infezioni dell’apparato respiratorio, oltre ad avere una risposta più veloce degli anticorpi.

Se comunque non si riesce a correre sempre all’aperto, anche affidarsi a dei buoni tapis roulant può fare la differenza, vedi il nostro articolo.

La corsa diminuisce il rischio di declino cognitivo e demenza senile

Tra i benefici della corsa scoperti recentemente c’è anche quello che riguarda la salute del cervello. Correre aumenta il battito cardiaco e il flusso sanguigno. Il sangue ricco di ossigeno viene quindi pompato al cervello in grandi quantità.

Studi recenti suggeriscono che la corsa vada in questo modo a rafforzare la salute cerebrale stimolando il rilascio di una proteina che incoraggia la crescita e la sopravvivenza dei neuroni.

Inoltre l’esercizio fisico in generale aumenta la massa cerebrale, diminuendo il rischio di sviluppo di placche nel cervello collegate al declino cognitivo e alla demenza senile.

La corsa è anticancerogena

Nel 2016 uno studio del Journal of the American Medical Association ha dimostrato che i corridori erano meno soggetti al rischio di 26 tipi di cancro rispetto a persone dallo stile di vita sedentario.

Nel dettaglio lo studio ha confermato un minor rischio di tumori della mammella (10%), al colon (16%) e all’endometrio (21%), già evidenziati da precedenti ricerche.

Maggiori riduzioni di rischio erano evidenti per adenocarcinoma esofageo (42%), cancro al fegato (27%), cardias, ovvero la valvola che collega esofago e stomaco (22%), rene (23%) e leucemia mieloide (20%).

La corsa riduce il rischio di diabete

Alti livelli di glucosio nel sangue possono portare al diabete e all’obesità, riducendo l’aspettativa di vita. La corsa può essere una risposta.

La corsa infatti previene il diabete di tipo 2 (dovuto a uno stile di vita e una dieta sbagliati), migliora la salute di chi soffre del diabete di tipo 1 (dovuto alla genetica) e ostacola l’emergere del diabete di tipo 2 in chi presenta sintomi di pre-diabete.

Per la precisione, i corridori hanno il 72% di possibilità in meno di sviluppare il diabete.

I benefici della corsa: un corpo più tonico

La salute è fondamentale ma, siamo onesti, molti di noi guardano alla corsa come una soluzione a problemi di inestetismi e rotolini di troppo. Ovviamente anche in questo caso la corsa è un’ottima alleata.

La corsa è il miglior modo per bruciare calorie

Correre significa trasportare il proprio intero corpo velocemente nello spazio, con il solo ausilio delle gambe. Si tratta quindi del migliore sport per bruciare calorie, visto che la maggior parte delle altre attività fisica non prevedono un movimento continuo nel tempo né una mobilità così completa.

E non è necessario correre veloci per ottenere risultati dimagranti. Possiamo dimagrire anche correndo più lentamente, ma più a lungo.

Diversi studi hanno dimostrato che è piuttosto facile perdere peso per i primi 6 mesi. Dopo entra in gioco l’effetto yo-yo: si smette di dimagrire e spesso si torna a mettere su chili. A meno che non si corra.

A differenza della sola dieta, correre regolarmente rende infatti duraturo il dimagrimento. Più corriamo più il nostro corpo si allena e ci porta ad aumentare la durata e l’intensità dell’allenamento. Se dopo 6 mesi di dieta rischiamo di tornare a ingrassare, dopo 6 mesi di corsa bruceremo ancora più calorie di quando abbiamo iniziato!

Per bruciare ulteriori calorie, consultate anche il nostro articolo Esercizi per dimagrire velocemente.

La corsa rassoda e solleva i glutei

Uno dei benefici della corsa che non dovrebbe per niente stupirci. Per correre servono le gambe, certo, ma senza i muscoli dei glutei non andremmo da nessuna parte.

Date un’occhiata a qualsiasi programma di allenamento per corridori professionisti e scoprirete che abbondano gli esercizi di rafforzamento dei glutei. Questo perché sono fondamentali nel dare la spinta necessaria a correre.

Risultato? Chi corre tonifica i glutei e dice addio all’effetto “sedere cadente”. Provare per credere!

La corsa allena gli addominali

Come per i glutei vi invitiamo a sbirciare un qualsiasi video di allenamenti per corridori. Forse vi stupirà trovare al primo posto sempre degli esercizi per gli addominali. Cosa c’entra gli addominali con la corsa?

Degli addominali forti sono alla base di una corretta postura. Contribuiscono a farci stare dritti e simmetrici. Chiunque sia appassionato di corsa quindi sa che dovrà allenarli per ottenere tempi migliori.

Per noi questo è interessante perché significa che la corsa non allena solo le gambe, ma anche il cosiddetto “core”, ovvero gli addominali, appunto. Se a questo aggiungiamo il potere brucia-grassi della corsa, con l’allenamento costante otterremo un risultato molto semplice: pancia piatta e “tartaruga” in vista!

La corsa può allenare il corpo a bruciare grassi

Per far funzionare i muscoli e farci muovere il corpo ha bisogno di energia. Solitamente la prende dagli zuccheri, per la maggior parte sintetizzati dai carboidrati che mangiamo. Questo processo è molto facile e veloce, e per questo il corpo lo “preferisce”.

Ma quando le risorse di zucchero finiscono, il corpo va a prendere energia dalle scorte di grassi. Sintetizzare i grassi è un processo più lento e complicato, quindi il corpo vi ricorre solo in casi di emergenza.

Questo significa che se corriamo fino a bruciare tutti gli zuccheri arriveremo finalmente ad intaccare quegli strati lipidici che ci regalano le indesiderate maniglie dell’amore o la pancetta… ma sarebbe una corsa piuttosto estenuante!

Per fortuna c’è un modo molto più facile per bruciare grassi durante la corsa: correre lentamente. Avete capito bene. Quando il corpo ha tempo, preferisce utilizzare le scorte di grassi, lasciando quelle di zuccheri per sforzi intensi e improvvisi, come ad esempio degli scatti.

Se ci alleniamo con degli amici e continuiamo a parlare mentre corriamo, significa che stiamo mantenendo un ritmo abbastanza blando da permettere al corpo di trovare il tempo di scomporre i grassi.

Vi sembra troppo bello per essere vero? L’unico “trucco” è che per poter davvero buttare giù la pancia correndo lentamente bisogna correre più a lungo: almeno mezz’ora. Più corriamo, sempre mantenendo un passo tranquillo, più grassi verranno usati per alimentare la nostra corsa.

I benefici della corsa: una mente più serena

Più gli anni passano e più runner ed appassionati scoprono e studiano i benefici della corsa sulla mente. Chi corre da tempo sa bene che al ritorno da un allenamento l’umore è sempre migliore di quando siamo partiti. Ma come mai?

La corsa provoca lo “sballo del runner”

Uno dei più grandi benefici della corsa è il suo effetto sull’umore. Quando corriamo il cervello produce due fondamentali sostanze naturali antidepressive: le endorfine e gli endocannabinoidi. Qualcosa di non molto diverso dall’effetto di certe droghe leggere, da qui la definizione di “sballo del runner”.

Il risultato è noto a qualsiasi corridore di lungo corso: parti per una corsa con la testa piena di pensieri e ritorni con una sensazione di pace e serenità che non vedi l’ora di riprovare… con un’altra corsa.

La corsa ti aiuta a consolidare o trovare amicizie

La qualità della vita di una persona è la somma di diversi fattori. Sicuramente quello relazionale è fondamentale. Chi è solo e non ha nessuno con cui condividere gioie e preoccupazioni si troverà presto a combattere ansia e depressione.

La corsa aiuta perché è il più sociale degli sport individuali. Per allenarsi infatti la soluzione migliore è inserirsi in un gruppo di corridori (ad esempio aderendo a una società sportiva, iscrivendosi a dei gruppi di runner su Facebook, convincendo qualche amico a iniziare a correre insieme) e allenarsi fianco a fianco.

Come abbiamo già detto anche la corsa a bassa intensità ha effetti molto positivi su corpo e mente, quindi possiamo correre e continuare a parlare con gli amici.

Scopriremo presto che correre è un modo molto efficace per cementare un’amicizia. Condividere insieme lo “sballo del runner” significa creare un legame che difficilmente verrà meno.

La corsa è una forma di meditazione

Andare a correre significa prendersi del tempo per se stessi. Correndo si pensa e si prende in analisi quello che è successo durante le nostre giornate, sfruttando l’onda di endorfine per guardare con maggiore ottimismo alla propria quotidianità.

Secondo uno studio del Dipartimento di Psicologia dell’Università del New Jersey, la corsa ha effetti simili a quelli della meditazione, e i suoi benefici possono essere moltiplicati se dopo o prima l’allenamento ci si dedica alla meditazione vera e propria.

La corsa rafforza l’autostima

Avete presente Rocky Balboa che sale la scalinata a Philadelphia e arrivato in cima ruggisce come un leone, alzando i pugni al cielo? Ecco, la corsa fa un po’ quell’effetto lì.

Quando si prende il ritmo e ci si allena 2/3 volte a settimana improvvisamente il corpo smette di essere un avversario – con i suoi inestetismi e imperfezioni – e diventa un alleato. Il corpo ci permette di raggiungere i nostri obiettivi, di sentirci bene e di credere in noi stessi.

Fuori piove e fa freddo? Un tempo tutto quello che avremmo voluto fare sarebbe stato distenderci sul divano, mangiare schifezze e guardare la tv.

Ma la corsa ci ha insegnato che possiamo uscire e scaldarci dopo pochi minuti. Un’ora dopo torniamo a casa e invece di lamentarci per il tempo schifoso ci sentiamo rilassati e in pace. Miracoli della corsa. E, cosa più importante, sappiamo che possiamo rifarlo ogni volta che vogliamo.

Conclusioni

Che ci crediate o no, la corsa è uno sport per tutti. Ognuno lo può praticare a seconda delle proprie disponibilità e in base ai propri obiettivi.

Un atleta che mira all’agonismo correrà ogni giorno e si sfiancherà con scatti e corse in salita.

Una persona che vuole dimagrire e stare meglio a 360 gradi può tranquillamente correre 2/3 volte a settimana, a un ritmo anche blando, in compagnia di amici con lo stesso obiettivo.

Sia in un caso che nell’altro la corsa ci ripagherà presto (fidatevi: presto!) con benefici fisici, mentali e – il che non guasta – estetici. Cosa state aspettando?

Per approfondire date un’occhiata ai nostri articoli “Correre per dimagrire”, “Iniziare a correre in sovrappeso”, “Le migliori scarpe da corsa” e agli integratori da abbinare all’attività fisica nella nostra Guida ai migliori integratori per dimagrire.

Vedi anche: